Twitter Profile
salta alla navigazione

Firefox: Xmarks…1 2 3 libera! 10 ottobre 2010

Inviato da LukePet in : Chicche, Firefox, Informatica, Internet, Servizi, Software, Web , trackback

Ne parlai nel lontano 2007 qui e lo scorso anno qui. La notizia che ho letto qualche giorno fa sulla prevista chiusura del servizio mi ha gettato un pizzico di amarezza addosso…dopo anni di felice utilizzo provo una strana sensazione di “affetto” per questa estensione. Sto parlando di Xmarks.

XmarksMa ripercorriamo con ordine…circa 10 giorni fa mi arriva una mail che sostanzialmente mi comunica che “Xmarks will be shutting down our free browser synchronization services on January 10, 2011”…prime sensazioni: disappunto, incredulità, amarezza…il tutto espresso in questo emblematico tweet http://twitter.com/#!/LukePet/status/25969072278.

Inizio subito a pensare alle eventuali alternative…la prima che mi viene in mente è Firefox Sync, che sostanzialmente fa la stessa cosa di Xmarks ma che (a quanto sembra) non integra una funzionalità che per il sottoscritto è quasi fondamentale…ovvero la possibilità di impostare dei profili di sincronizzazione. Attualmente il mio flusso di sincronizzazione si divide tra il profilo “Work” (impostato sul pc che ho nell’ufficio dell’azienda in cui lavoro), in cui sincronizzo tutti i bookmarks strettamente legati all’attività lavorativa, ed il profilo “Home”, che racchiude tutti gli altri segnalibri più “privati”.

Un altro punto di svantaggio è che Firefox Sync è strettamente legato al browser di casa Mozilla (il che non sarebbe neanche un così grosso problema visto che uso praticamente solo quello), ma lasciarsi un grado di libertà per gestire la sincronizzazione anche sugli altri browser (vedi Chrome, Safari, Explorer) è sempre cosa buona…per la serie “non si sa mai”.

A questo punto mi dico “no! non posso fare a meno di Xmarks!”…ed inizio a tenermi informato sulla vicenda. Qualcosa si muove, viene pubblicata una pagina per raccogliere adesioni (www.pledgebank.com/XmarksPremium) in cui gli utenti si impegnano ad essere disponibili a pagare annualmente dai 10 ai 20 dollari per mantenere il servizio in vita. Aderisco ed incrocio le dita.

Ed oggi ho appreso la lieta notizia…tornando a visitare questa pagina www.xmarks.com/about/shutdown, leggo il messaggio: Xmarks Sync NOT Dead Yet. A quanto pare la prospettive future sono un po’ cambiate…per maggiori informazioni, vi invito a visitare la pagina segnalata.

Dai Xmarks, dai che ce la fai.