Twitter Profile
salta alla navigazione

Formato M4A…una gran bella sorpresa. 29 maggio 2007

Inviato da LukePet in : Chicche, Informatica, Linux, Multimedia, Software, Tecnologia, Telefonia, Windows , trackback

Ieri mi sono un pò informato sul formato audio M4A.

Pochi giorni fa ho convertito parecchi files MP3 in formato M4A, per inserirli nella microSD del mio cellulare, ottenendo come risultato una notevole riduzione di occupazione di spazio nella memoria rapportata ad un sorprendente livello di qualità dei files.

Mi sono un pò incuriosito sulle caratteristiche di questo formato audio così ho ricercato in rete per saperne di più ed ho trovato le seguenti informazioni:

M4A è un’estensione che denota file di tipo MPEG-4 Audio.

Alcuni software usano l’estensione mp4, che è generica per tutti i file di tipo MPEG-4, sia audio che video e audio + video; così si introducono delle ambiguità, dato che la sola estensione non è sufficiente per denotare il tipo di archivio. La prima a introdurre estensioni differenziate è stata Apple con i suoi iPod e iTunes; adesso m4a si può considerare uno standard per i file MPEG-4 Audio.

I file m4a, analogamente all’mp3, consentono una compressione della dimensione, mantenendo una buona qualità di ascolto; rispetto all’mp3 permettono una compressione maggiore a fronte di una qualità migliore, inoltre sono uno standard libero, e non introducono royalties come lo stesso mp3.

(da Wikipedia)

Niente male no? Allora vi dico di più….

Ho converito più di 4,20Gb di mp3 in formato m4a (a bitrate 64kbps) ottenendo come risultato una occupazione di memoria di circa 1,30Gb (una riduzione di ben 2.90Gb!) e la qualità dei files audio ottenuti è più che soddisfacente.

Per convertire i files ho sfruttato il software fornito con il mio cellulare Nokia ma ci sono anche altre alternative; per effettuare la conversione potete usufruire anche dei seguenti software:

AMBIENTE WINDOWS

1) Easy CD-DA Extractor (http://www.poikosoft.com): software veramente completo che tra le altre cose consente anche di convertire files audio in formato M4A (AAC) e M4A (eAAC+)….io uso il secondo standard.

2) ImToo 3GP Video Converter (http://www.imtoo.com): altro semplice tool per la conversione di files video-audio.

AMBIENTE LINUX

Qui la ricerca di un applicativo da utilizzare è stata un pò più ardua….

1) Perl Audio Converter (http://viiron.googlepages.com): inizialmente avevo scaricato questo software, si tratta di un applicativo privo di interfaccia grafica in cui i files vanno convertiti attraverso un comando da shell. Per farlo funzionare correttamente occorre anche aver installate le seguenti librerie:
libogg => v1.1.3
libvorbis => v1.1.2
flac => v1.1.2

Perl Modules: Parse::RecDescent, Carp, Inline, Inline::C, Audio::Musepack, Audio::WMA, Audio::FLAC::Header, MP3::Tag, Ogg::Vorbis::Header, MP4::Info, Audio::APETags, CDDB_get

potrebbe essere necessario installare anche il codec Lame (tutti questi pacchetti sono reperibili dai repository).

Successivamente ho scaricato la versione 3.2.0 di Perl Audio Converter (perchè l’ultima versione 3.3.1 mi ha dato qualche problema durante il processo di conversione dei files). Una volta installato il tutto, per convertire un file mp3 in m4a, basta digitare da shell $pac –convertto m4a nomefile.mp3.

2) SuondKonverter (http://www.kde-apps.org): devo la scoperta di questo applicativo al mio amico-nemico discepolo (http://ildiscepolo.wordpress.com)…si tratta di un tool per KDE per la conversione di files audio (ma utilizzabile benissimo in GNOME)…da non confondere, come ho fatto io, con l’analogo applicativo SoundConverter per Gnome!

Questa volta avrete a disposizione una bella interfaccia grafica dalla quale caricare i files ed impostare i parametri per la conversione…ottimo direi. Una sola precauzione: controllate di aver installate sul vostro sistema le librerie FAAD e FFMpeg.

Vi consiglio di utilizzare SoundKonverter invece di impazziare con Perl Audio Converter come ho fatto io.

Tanta musica in molto meno spazio…perfetto!

  • C’è qualcosa che non hai considerato… è bello avere molto più spazio a disposizione sul pc, certo… ma se il mio lettore non supporta il formato m4A? Ogni volta che devo passare i brani sul lettore devo ri-convertirli? Naaa! Bisogna vedere se alcuni lettori però hanno un nuovo firmware che permette di rendere leggibili gli m4A…

  • Vega

    Non penso che lui lo abbia fatto per avere più spazio sul pc ma per poter inserire più brani sulla microSD del suo cellulare che supporta il formato M4A. Converte gli mp3 in M4A, li copia sulla microSD e poi una volta completata la copia li cancella dal pc rimanendo solo con gli mp3, compatibili con qualsiasi lettore e nel caso pronti ad essere riconvertiti.
    Io almeno faccio così.

  • esatto…è proprio quello che faccio.

    Anzi, visto che lo spazio sul pc per il momento non mi manca conservo sia i files mp3 che le copie degli stessi in m4a.

  • Allora pardon, ho detto una ca**ata

  • ratox@hotmail.it

    con rispetto semmai la cazzata è dire che un mp3 convertito in m4a ha un suono migliore….almeno di non aver capito male io…purtroppo la legge dell’informazione è spietata, se ricampioni a qualità migliore un segnale di cui hai perso delle caratteristiche…beh avrai sempre un brutto suono (anche se descritto in maniera piu accurata….per il processore…non per l’orecchio)
    Suonano meglio solo se converti dal PCM uncompressed.

    ale

  • ste

    volevo aggiungere un punto
    Questi file vengono letti anche sulla maggior parte delle autoradio in commercio che denominano la signa aac.

  • Anonimo

    Scusa se mi permetto ma hai detto che hai convertito in M4a a bitrate 64kbps….
    Considerato che un mp3 a qualità accettabile per me non scende sotot i 192kbps….Penso che abbiamo due standard di “suonare bene” molto differenti.


    Comunque concordo che convertire degli MP3 in m4a è assurdo, comporta solo un’ulteriore perdita di qualità